Forse ti stai chiedendo: lui è fidanzato e io sono l’amante come cambiare ruolo?

Lui è fidanzato e io sono l’amante trasgressiva agli occhi della gente e non riesco più a tollerare questa situazione spinosa.

Se anche tu continui a martoriarti con queste frasi, allora potrebbe essere arrivato il momento di fare maggiore chiarezza sui ruoli.

Spesso il ruolo di amante in una relazione in cui lui è fidanzato ufficialmente è una posizione scomoda per entrambi, tuttavia ciò non significa che quella relazione sia meno emozionante e appagante rispetto all’ufficialità.

Se hai scelto di essere l’amante è perché ne avevi bisogno a livello inconscio, quindi ti innamori o infatui ogni qualvolta ti trovi a lottare con un antagonista.

Lui è fidanzato e io sono l'amante

Quando una donna accetta il ruolo di amante al 97% trattasi di una tipologia psicologica egocentrica, se non addirittura narcisa.

Essere una donna narcisista significa avere subito diverse invalidazioni nell’infanzia che si cerca di compensare nel presente futuro convertendo l’innamoramento che si crede di provare verso gli altri in amore quasi ossessivo nei confronti di se stesse.

Spesso le donne nel ruolo di amanti non sono quindi innamorate del partner, credono di esserlo, ma sono semplicemente infatuate quando non si tratta di raggiungere altre finalità naturalmente.

Ma se lui è fidanzato e io sono l’amante ti dirai: perchè lui continua a stare con la moglie?

Molti uomini narcisisti hanno bisogno di tenere un piede in due scarpe, perchè devono controbilanciare l’istituzionalità (regole) con la trasgressione (oltraggio alle regole), loro la vivono così.

In altri termini: è proprio un loro bisogno inconscio mettersi in una minaccia di guai aprendo relazioni con amanti da anteporre alla tanto adorata moglie vivendone l’effetto tensione.

Tanto è vero che quando lasciano l’amante non restano sereni con la moglie, anche se lo vorrebbero, ma si fanno una nuova amante.

Gli uomini a tipologia egocentrica sono attratti dalla triade e soprattutto da quelle amanti che li fanno tribolare facendoli ingelosire o condizionando il rapporto in atto.

Per questo tipo d’uomini lottare contro altri pretendenti può determinare il valore che percepiscono nei confronti della fidanzata – moglie o verso la stessa amante.

Ad esempio: se lui è fidanzato e tu sei l’amante e ad un tratto emerge un uomo di valore sociale elevato che manifesta un interesse per la sua fidanzata o moglie, lui viene tirato dentro nell’agonismo e si attiva la minaccia per la perdita della moglie.

Tale minaccia determina un incremento del valore che riconosceva alla consorte diminuendo il tuo.

Questo meccanismo psicologico normalmente è invisibile, ma spesso è lelemento cruciale che influenza il rapporto con l’amante.

Quando l’amante nota un maggior interesse da parte del partner verso la moglie o fidanzata, allora dovrebbe subito controbilanciare il valore che il partner percepisce nei suoi confronti ma questa manovra non va fatta con le chiacchiere.

Se intendi aumentare il suo desiderio nei tuoi confronti dovrai sapere come penalizzarlo emotivamente senza che lui possa attribuire la colpa a te in quanto al comportamento che presenti.

All’interno del capolavoro di John alexander denominato come riconquistare un uomo in7 giorni potrai appropriarti di un set di strategie di semplice applicazione presenti nei capitoli dedicati a come tenere legato a se un uomo in amore.

Questi stratagemmi femminili che possono apparire anti etici funzionano alla grande nel rapporto con con gli amanti.

Per maggiori informazioni clicca qui

come riconquistare un uomo in7 giorni